Tutto gioca un ruolo importante nelle nostre cucine. È il nostro lavoro e non la nostra missione, bilanciare i gusti, le opinioni, le visioni, i panorami, i sapori, le trame, gli stili. Per raggiungere i nostri obiettivi, dobbiamo aderire ad una nostra filosofia.

Filosofia: un sistema di principi per l’orientamento negli affari pratici

Apparire semplice
Sembra naturale
Essere straordinari

La nostra filosofia è un’introduzione alle nostre credenze culinarie. Se dopo aver letto tu, lettore, ti sentisissi in disaccordo o non reputassi questo scambio di idee abbastanza importante, considera una cosa, potresti essere su qualunque altro sito e qui stai sprecando il tuo tempo.

Il mio bisogno di creare un sistema semplice per guidare i miei percorsi culinari mi permette di trovare spessoun compromesso per non negarmi la possibilità di nuove esperienze e di nuovi errori.  Allo stesso modo, la mia filosofia mi consente di affrontare qualsiasi cosa, dagli ingredienti esoterici ai clienti insoddisfatti, con un livello di facilità e comodità che mi consente di ristabilire una situazione equilibrata.

Alcuni direbbero che creiamo noi cuochi. Sinceramente qui stiamo tutti solo manipolando diversi ingredienti per formare una presentazione gustativa finale.
Tutti, cuciniamo personalmente. È il nostro lavoro di cuochi, ma è anche la nostra passione. Siamo spinti a spingere verso la perfezione. Parliamo continuamente del bilanciamento dei gusti in un piatto e in un menu. Allo stesso modo, il gusto è influenzato dalla consistenza e dalla temperatura. Guardare il cibo, essere assorbito dal cibo, essere appassionati di cibo permette di avere molti effetti sensoriali sulla cottura. .
C’è una costante in cucina? La risposta è si. Ogni giorno qualcosa cambia, dalla quantità di acqua in un pomodoro all’umore con cui ci svegliamo.

Quindi, come si può essere in grado di cucinare costantemente dell’ottimo cibo?

Bisogna impegnarsi ogni giorno per presentare la perfezione culinaria. Sto costantemente salendo su una montagna, spingendo per trasmettere il meglio ad ogni commensale. Quindi sì, cuciniamo ottimo cibo ed è quello che ci sforziamo di fare giorno dopo giorno, nonostante il cattivo umore o un pomodoro acquoso. Perché ci sono molti giorni in cui il sole splende in cucina mentre fuori piove davvero. Mi sono reso conto che una buona costante da mantenere in cucina non è la mancanza di identità, ma di saper dimenticare la propria quando il difficile sta nell’imparare qualcosa di nuovo… e che queste fluttuazioni consentono a qualunque cuoco di evolversi.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.